Go to content

WTKF

WTKF
WTKF
World Traditional Karate Federation
Vice-President
M° Vladimiro Mezzetti


chief Referees international Committee


Vice-President
WTKF
M° Amara Adoul
chief Shihankai international Committee



President
WTKF
M° Antonio Corrias







WTKF  
World Traditional Karate Federation
non soltanto una Federazione ma soprattutto
un "PROGETTO OPEN SOURCE per il KARATE"
"UBUNTU"
Umuntu ngumuntu ngabantu, "
io sono ciò che sono in virtù di ciò che tutti siamo"

lettera del presidente Antonio Corrias



La WTKF World Traditional Karate Federation, nasce da un moto spontaneo di alcuni Maestri di Karate con lo scopo di identificare al meglio quelli che sono i valori fondanti del KARATE, con particolare attenzione al KARATE TRADIZIONALE.
Karate per tutti è il nostro obbiettivo, ma preservando la discendenza e la provenienza dai Maestri di riferimento di ogni stile non disperdendone l'enorme bagaglio tecnico e culturale che abbiamo ricevuto...; tutto ciò con l'intento di confrontarci e di favorire lo scambio tecnico tra stili e Maestri non tralasciando l'aspetto culturale che vede al primo posto lo studio delle origini di ognuno.
Preferisco qui esprimere concetti di tipo generale in quanto, purtroppo, grande è la confusione ingenerata dai vari "appellativi" dati al KARATE e, in qualsiasi modo si definisca, si correrebbe il rischio di generare equivoci e fraintendimenti.
Lo stesso Maestro Nakayama, in una nota intervista si definiva praticante di karate e sottolineava karate con l'intento di far comprendere la mancanza di delimitazione che in qualche modo poteva risultare dall'appartenenza ad un cosiddetto stile...
Io stesso ho avuto modo di apprezzare ad Okinawa la grande varietà di interpretazioni e di intendere il karate da parte dei Maestri locali che però si preoccupavano, subito dopo l'esecuzione della tecnica, di fornire la genealogia a cui appartenevano per poter far afferire una determinata esecuzione ad un determinato Maestro... della serie: si può fare anche in maniera differente purchè la variazione sia documentabile ed abbia delle motivazioni tecnico-funzionali reali...
Grande cordialità e spirito collaborativo, unito ad una sana curiosità per un modo di fare un pò diverso dal loro...
E' a questo concetto di universalità che la WTKF intende rifarsi, facendo appunto cultura attraverso il KARATE riconoscendolo a tutti gli effetti come strumento per l'evoluzione ed il miglioramento della persona. Nessuno escluso !!

WTKF comprende attraverso i vari settori strutturati: l'agonismo, i bambini, i ragazzi, gli adulti, le persone con disabilità, coloro che sono interessati a fare ricerca nell'ambito delle arti marziali e a tutto ciò che ad esse culturalmente afferiscono.
Per quanto riguarda l'aspetto agonistico WTKF ha adottato quanto a suo tempo il Maestro Hidetaka Nishiyama, in una lungimirante ottica di unificazione del KARATE, ideò riuscendo a creare e rendere compatibili l'aspetto agonistico con quello legato alla ricerca ed allo studio del kumite e del kata.
Ugualmente dicasi, sempre per quanto relativo allo stile Shotokan, WTKF intende valorizzare ancor di più l'operato e gli insegnamenti nei propri Maestri di riferimento, primo fra tutti il M°Taiji KASE insieme a coloro che hanno fatto grande il karate diffondendolo in ambito mondiale quali i Maestri Enoeda, Shirai, Asai, Abe Kanazawa ecc. a cui va riconosciuto il merito di aver insegnato e proposto un karate tecnico, forte ed incisivo anche riportandolo in un contesto agonistico sportivo riuscendo a non snaturarlo dalla sua essenza di arte marziale. In particolar modo il M°Hiroshi Shirai ha proseguito il suo cammino facendo una ricerca del tutto personale delle radici del karate fino a creare quello che a tutti gli effetti è possibile identificare come un nuovo stile legato allo studio del karate inteso come difesa personale: il Goshin-do Shirai Ha.

E' infatti necessario che l'agonista abbia modo di poter coltivare, anche durante questo periodo della sua vita legata alla pratica, uno spirito idoneo che poi gli consenta di progredire una volta abbandonato il momento delle competizioni.
Troppe volte abbiamo avuto ed abbiamo esempi di seppur bravi agonisti che una volta intrapresa la Via dell'insegnamento si sono ritrovati a non disporre più degli elementi necessari allo stesso avendo perso capacità didattiche e quindi costretti a proporre ai propri allievi dei modelli che magari funzionavano per loro stessi ma che non erano adatti ai loro allievi...

Altra forte motivazione per la creazione della WTKF, che ricordo essere principalmente un'Associazione Culturale, è stato il grande frazionamento del karate verificatosi in questi ultimi anni; ciò, senza nessuna polemica, ha comportato l'annullamento o comunque il forte indebolimento di quelle che potevano essere le linee guida fornite da alcune figure carismatiche  e di provata capacità e competenza.
Ne è risultata la necessità di mettere a disposizione delle nuove leve e di tutti coloro che condividono il nostro pensiero, una visione del KARATE chiara e cristallina per far sì che chi vuole possa scegliere...
Un'obbiettivo ambizioso ma che sarà raggiungibile con la partecipazione di tutti coloro sinceramente interessati al KARATE in tutte le sue forme....
Abbiamo inoltre creato una consulta che rappresenta Il massimo organismo democratico e di garanzia per gli affiliati della WTKF che è lo SHIHANKAI.
Una promessa?
La stessa del Maestro Gichin Funakoshi !!

Il presidente
Antonio Corrias


Nel mar della Cina del Sud vi è un’isola dove si insegna un’arte meravigliosa: Il Karate!!
Purtroppo quest’arte si sta perdendo e la sua divulgazione è in pericolo.
Chi intraprenderà il grande compito di farla rivivere?
Questo sarà il mio dovere!!
Lo giuro davanti all’azzurro cielo”

Maestro Gichin Funakoshi




WTKF
World Traditional Karate Federation
not only a Federation, but an
“OPEN SOURCE PROJECT for KARATE”
“UBUNTU”
“Umuntu ngumuntu ngabantu”
“I am what I am by virtue of what we all are”

letter from president Antonio Corrias



The WTKF World Traditional Karate Federation, was born from a spontaneous movement of some Karate Masters with the aim of better identifying the founding values of KARATE, with particular attention to TRADITIONAL KARATE.
Karate is our goal for everyone, but preserving the descent and the origin of the reference Masters of each style by not losing the enormous technical and cultural background that we have received...;
all this with the aim of comparing ourselves and favoring the technical exchange between styles and Masters without neglecting the cultural aspect that sees the study of the origins of everyone in the first place.
I prefer to express general concepts here because, unfortunately, the confusion generated by the various "appellations" given to KARATE is great and, in any way it is defined, there would be the risk of generating misunderstandings.
Master Nakayama himself, in a well-known interview, defined himself as a karate practitioner and underlined karate with the intent to make people understand the lack of delimitation that in some way could result from belonging to a so-called style...
I myself have had the opportunity to appreciate the wide variety of interpretations in Okinawa and to learn karate by the local Masters who, however, were concerned, immediately after the execution of the technique, to provide the genealogy to which they belonged in order to make a certain execution to a specific Master... For example: it can also be done in a different way as long as the variation is documentable and has real technical-functional reasons...
Great friendliness and collaborative spirit, combined with a healthy curiosity for a way of doing a little different from their...
It is to this concept of universality that the WTKF intends to refer, making culture through KARATE, recognizing it in all respects as a tool for the evolution and improvement of the person. Nobody excluded!


WTKF includes through the various structured sectors: competition, children, young people, adults, people with disabilities, those interested in doing research in the field of martial arts and everything culturally related to them.
As regards the competitive aspect, WTKF has adopted the Master Hidetaka Nishiyama idea, in a forward-looking perspective of unification of KARATE, conceived by managing to create and make compatible the competitive aspect with that related to the research and study of kumite and of the kata.
In fact, it is necessary that the agonist has the opportunity to cultivate, even during this period of his life linked to the practice, a suitable spirit which then allows him to progress once he has abandoned the moment of competitions.
Too many times we have had and we have examples of albeit good agonists who, once they have embarked on the path of teaching, have found themselves no longer having the necessary elements, having lost teaching skills and therefore forced to offer their students models that perhaps worked for themselves but that were not suitable for their students...

Another strong motivation for the creation of the WTKF, which I remember being primarily a Cultural Association, was the great split of karate that has occurred in recent years; this, without any controversy, led to the cancellation or in any case the strong weakening of what could have been the guidelines provided by some charismatic figures with proven ability and competence.
The result was the need to make available to the new levers and to all those who share our thoughts, a clear and crystalline vision of KARATE to allow those who want to choose ...
An ambitious goal that will be reached with the participation of all those sincerely interested in KARATE in all its forms ....
We have also created a consultation that represents the maximum democratic and guarantee for WTKF affiliates which is SHIHANKAI.
A promise?
The same as Master Gichin Funakoshi!

President
Antonio Corrias




"In the South China Sea there is an island where a wonderful art is taught: Karate!
Unfortunately, this art is being lost and its dissemination is in danger.
Who will undertake the great task of reviving it?
This will be my duty!
I swear it before the blue sky "

Master Gichin Funakoshi

Back to content